giovedì 25 giugno 2009

Note Blues - L'angolo del Bluesman - MAX CASAZZA & BIG HARP

L'angolo del bluesman


NOTE BLUES, in programma tutti i giovedi alle 22.00 circa su RADIO GOLFO DEGLI ANGELI. (Cagliari-Sardegna). Massimo Salvau, instancabile, continua la nostra collaborazione a suon di interviste ai bluesman in Italia. Ormai ho perso il conto, a che puntata siamo arrivati? Oggi è il turno di un armonicista (finalmente dopo tante chitarre). L'armonica è un piccolo grande strumento e Max l'ha presa come suo mojo facendosi accompagnare da un gruppo di validi musicisti (la BIG HARP band). C'è bisogno che ve lo dica? Anche in questo caso non è un'intervista autoreferenziale e si cerca di fare il punto della situazione sul blues e sulla musica in Italia, con la solita attenzione per i nuovi spazi (internet) e naturalmente la storia del gruppo. Conosceremo, nel corso dell'intervista, non solo il leader Max ma anche Massimo Altieri e Michelangelo Di Gioia.

Ascoltare l'intervista è facilissimo, basta cliccare sul triangolino qui sotto, simbolo universalmente noto come "PLAY".



Potete ascoltare interamente le puntate di "note blues" di Massimo Salvau in diretta alla radio o successivamente sul sito
Radio Golfo degli Angeli si ascolta in radio sui 94.10 MHz per la provincia di Cagliari e 96.10 per la zona di Arbus e Oristanese.

Ascoltato tutto? Per finire in bellezza una letta alla biografia è quel ci vuole:

Un nome nuovo alla ribalta nel panorama Blues Italiano, Big Harp, un vero e proprio Blues show man, armonicista cantante cresciuto con la passione per il Blues e per quel piccolo strumento capace di muovere tante emozioni.
La Blues Band, capitanata da Massimo Casazza, è sempre più presente sulla scena Blues di questi ultimi anni sia in Italia che all'estero, anche grazie alla spinta generata dai consensi positivi del pubblico. Conduce il concerto live con una forte intenzione Blues, che gli infonde energia, carattere d'improvvisazione, coinvolgimento e semplicità; lui stesso commenta:"Dopo aver cercato e voluto i musicisti della Big Harp Blues Band, sono felice di potermi esibire certo di aver trovato una fantastica formazione, composta dai più validi e rappresentativi musicisti della mia città legati alla forte esperienza del Blues. Trovando l'ispirazione dalle note e dall'animo dei padri del Blues, la Big Harp Blues Band cerca oggi di suonare e trasmettere quel sentimento di passione, il "Blues". Rompendo schemi fissi, regole rigide, l'esibizione risulta libera di esprimersi: spontaneità ed improvvisazione sono gli elementi di forza della Band.
Un sincero grazie alle persone sensibili che di volta in volta ci trasmettono entusiasmo e “propositività” per continuare questo nostro viaggio nel Blues".
I musicisti della Blues Band sono:
Massimo "Big Harp" Casazza Voce & Armonica
Sergio Ponti Batteria
Mauro Gandolfo Basso
Massimo Altieri Chitarra
Michelangelo Di Gioia Organo Hammond
ognuno ha un trascorso ricco di importanti esperienze musicali qui uniti e pronti per offrire un "Blues Live Show", riproponendo i classici del Blues.
Ricordo che la band occasionalmente ha suonato e suona come musicista singolo o come band con musicisti affermati e famosi (Eugenio Finardi, Vince Vallicelli, Pippo Guarnera, Massimo Martellotta, Clive Bunker & Mick Abrahams, Beccattini, Peeches, Slep, Arthur Miles, Johnny Mars, G. Petrini, Kellie Rucker, Giancarlo Schinina, James Thompson, Mr. Boogieman, Sax Gordon, Peppe O' Blues & Hell's Cobra, Alberto Mandarini, Mike, Arthur Barrow, SFOM Orchestra, Bernardo Lanzetti(PFM) e Mystery Band, Ian Anderson).


lunedì 22 giugno 2009

Laboratorio di Piano Blues - puntata n. 1




In sordina, finalmente, parto con una nuova rubrica che mi metterà alla prova sul mio "territorio" quello del Blues suonato al pianoforte. Prima di partire, qualche premessa doverosa:
- non sono un super pianista
- cerco di dare il massimo con il poco che so
- questo laboratorio è per tutti e di tutti quindi aperto a collaborazioni con altri pianisti di blues.
Il fine è quello di creare una serie di studi dedicati esclusivamente al Blues (e non al blues all'interno del jazz). Il blues di Meade Lux Lewis o di Otis Spann, non quello di Monk o di Oscar Peterson, tanto per intenderci. Non esistono libri completi su questo perchè il pianista di Blues viene attratto molto velocemente "verso altri lidi" (jazz, funky). Io cercherò, pur nei miei esperimenti, di restare federe al genere, con umiltà. Ci saranno esercizi scritti, video, audio e magari qualche dritta. I libri finora da me letti contengono si molte informazioni ma si fermano in superficie e non trattano in modo completo nessun argomento. Cerchiamo di colmare questa situazione!
Ed ora mi rimbocco le maniche perchè dopo qualche anno di poco esercizio sono il primo ad aver bisogno di questo! Sfruttate il blog per ogni domanda, per tutti i consigli e, se siete già bravi pianisti, unitevi al sottoscritto per far si che il laboratorio si trasformi in un insieme organico ed utile di esercizi per i tutti i pianisti.



PUNTATA N. 1

Cominciamo in sordina ma con un ottimo esercizio che ha le seguenti finalità:
- apprendere la scala blues con entrambe le mani
- scaldare le dita
- spostarsi su tutta la tastiera con agilità

Qui l'esercizio in formato pdf

L'esercizio va eseguito prima sulla mano dx poi sulla sx (scegliete voi l'ordine) poi con entrambe le mani. Tutte le note devono essere chiare, cercate di suonare molto legato e forte fin da subito. Tenete il metronomo sul 60-70 e non abbiate fretta ad aumentare velocità (questo anche se siete già "bravi").
Naturalmente (regola che vale per tutti i prossimi esercizi) va trasportato IN TUTTE LE TONALITA'. In questo modo dovreste acquistare agilità in tutte le scale. Già in questo esercizio (in C) vengono suonate tre scale (C, G , F) e viene presentato un accordo di settima diminuita "rivoltato" diverse volte.

Per la diteggiatura lascio a voi la libertà, supponendo che sappiate già decidere quale sia la migliore. Sono comunque a vostra disposizione per dare indicazioni a chi le vorrà, magari sfruttando i commenti a questo post. Cercate di trovare, in ogni tonalità, una posizione ottimale della mano, al solito non irrigidite i polsi (su questo magari ci torniamo più avanti).

La distanza di due ottave, oltre ad essere (per il sottoscritto) la migliore distanza per lo studio delle scale a due mani anche per il suono prodotto, è un modo per cominciare a lavorare sugli assoli. Il sottoscritto infatti predilige, in un gruppo di blues elettrico, rafforzare i soli con entrambe le mani per farsi sentire bene. E qui apriamo una dolce parentesi.

All'interno di un gruppo di blues, spesso elettrico, il pianista si trova di fronte ad un grosso problema: come farsi sentire? Molto spesso infatti non è un problema di volume ma di colore. Il solo a due mani, nei brani più movimentati, diventa un'ottima risorsa. Ecco perchè è utilissimo saper fare con la mano sinistra tutto (o quasi) quello che fa con la mano destra. Non dovete pensare che sia una banalità anzi ! Ritengo sia una cosa esteticamente molto spettacolare e, se non abusata, gradevole all'orecchio che magari arriva da un rude solo di chitarra (e sappiamo quanto i chitarristi non facciano complimenti con i volumi).
Un esempio che posso portarvi, nel mio piccolo, è il solo nel CD di SO LONG, tutto il primo giro si basa su questa "intuizione" . Dal vivo è utile per non far perdere groove al gruppo e per arrivare carico al secondo giro che diventa, al confronto, più "classico".

Per questo primo appuntamento NON è tutto. Aspetto domande e correzioni perchè anche in questo esercizio di una paginetta son tantissime le cose che si possono dire !

venerdì 19 giugno 2009

A Chicago con il Puma (Fabio Treves): ecco il resoconto!


Tempo fa avevo dato voce a questa bella iniziativa. Da poco il gruppo di bluesmen è tornato in Italia e qui potete leggere il primo breve ed interessante resoconto. Speriamo che l'iniziativa si ripeta nei prossimi anni...sia mai che il sottoscritto vinca la paura del volo e si ritrovi nella patria del Blues.

Quartetto di Vicenza - 100 anni !



Da vicentino non posso che essere orgoglioso di questa associazione che da 100 anni organizza concerti importantissimi nei maggiori teatri della città del Palladio.
Da oggi un link in più per il blog e.... dalla prossima stagione vi terrò informati su concerti e iniziative della prestigiosa Società che ha bisogno, per continuare, di pubblico (e lo merita).

Nel frattempo Auguri e... 100 di questi anni !!!

mercoledì 17 giugno 2009

Nuovo fumetto: CARAVAN


New entry in casa Bonelli. Come ben sapete amo i fumetti dall'età di 15 anni, soprattutto i Bonelli. Segnalo questo "Caravan", una mini serie (qui tutti i dettagli) come tutte le recenti uscite importanti (DIX, Demian, Lilith) . Ho avuto modo di leggere il primo numero quindi posso consigliarvelo da subito. Il ritmo molto "LOST" cerca di nascondersi fra le vignette, ma c'è. Gli eventi precipitano quasi subito e tutto si avvolge in un fitto mistero che verrà svelato, presumo, numero dopo numero. Nessun personaggio principale ma tante vite raccontate nel corso della storia, ecco l'elemento - novità che probabilmente vale l'acquisto di tutta la serie che parte veramente con il piede giusto. Buona lettura.

martedì 16 giugno 2009

Note Legali, dalla parte del musicista.



Ormai da oltre due anni sono socio di Note Legali, me ne sono servito diverse volte per alcune consulenze legali e sono sempre pronto a chiamare o inviare una mail per togliermi qualsiasi dubbio. Il musicista DEVE essere informato, anche se la legislazione italiana è un colabrodo. Il musicista che non vuole informarsi dovrebbe almeno valutare la possibilità di essere iscritto, per 35 euro l'anno, a questa associazione, attualmente l'unica in Italia a fare questo tipo di servizio.

lunedì 15 giugno 2009

Lezioni per le vacanze estive

Cosa succede in questi giorni? Dopo una lunga pausa torno a scrivere sul blog. Al solito allo stop del blog non corrisponde uno stop musical-personale. Infatti tante, come al solito, sono le cose che sto portando avanti. Il problema è che attualmente non ho materiale pronto alla pubblicazione e mi manca il tempo per seguire eventuali news musicali o ascoltare qualcosa di nuovo. Quindi eccovi un "riassunto ufficiale" delle ultime puntate:

- sto realizzando un bel po' di musica (circa 40 minuti) nuova che verrà utilizzata come sottofondo per un DVD (non mio) di prossima uscita. Naturalmente la musica verrà rilasciata con licenza Creative Commons quindi non appena pronta la pubblicherò qui nel blog. Verso fine agosto però perchè questo lavoro è cominciato da poco. Il materiale però sarà veramente tanto (saranno - credo - quasi una decina di brani)

- a breve cercherò di creare un video sul "KAOSS PAD" del DS-10, una cosa che voglio realizzare da diverso tempo, dedicata a tutti gli appassionati di questo software che visitano il mio blog molto spesso !

- sto valutando l'ipotesi di pubblicare degli "esercizi blues" per pianoforte, sotto forma di spartito + spiegazione e , perchè no, di video; vediamo come prende piede la cosa che comunque non sarà un appuntamento fisso ma saltuario. Spero a breve di presentare i primi esercizi poi si vedrà .....

- spero di pubblicare almeno un brano-video dal concerto al Vapore di qualche settimana fa, in questi giorni sto digitalizzando tutto e con Flamiano sceglieremo i brani che vale la pena di mettere in rete.

- la cosa più importante, annunciata ai microfoni di NOTE BLUES, è il mio CD personale che DI SICURO non uscirà a fine anno visti gli impegni musicali degli ultimi mesi. Comunque sia è a buon punto la stesura dei brani e presto spero di anticiparvi qualcosa di più concreto. Sarà completamente autoprodotto dal sottoscritto e sarà possibile acquistarlo proprio qui nel Blog.

- prossimo CD dei Four Fried Fish: sono al lavoro con Flamiano per bissare il successo (di critica e anche un po' di vendite) di CATFISH FOR BREAKFAST. Anche in questo caso non si parla di 2009 ma di 2010 (anche se, in caso di progetto sugoso potremmo posticipare al 2011 con distribuzione importante....speriamo).


Ecco qui, come vedete ci son dei periodi in cui la mole dei progetti (e lo stato della realizzazione degli stessi) non permette di essere "incisivi" con il Blog.

Nel frattempo vi auguro una buona Estate !!!!

giovedì 4 giugno 2009

Koko Taylor 1928-2009


Se ne va quella che è forse l'ultima vera regina del Blues.

Qui con il RE Willie Dixon.