martedì 27 aprile 2010

Note Blues - L'angolo del Bluesman - STEFANO ZABEO

L'angolo del bluesman

A che puntata siamo arrivati? Ho perso il conto e forse siamo arrivati ad una delle ultime della stagione prima della "pausa estiva". Ancora una volta fa da padrone il blues del Veneto. Aggiungo che senza ombra di dubbio siamo di fronte ad un pezzo di storia del Blues veneto, uno di quei musicisti (e uno di quei gruppi) che hanno insegnato a suonare a più di una generazione. Alla mia sicuramente visto che quando mi sono affacciato alla finestra, Stefano Zabeo era un nome già conosciutissimo , riconosciuto da molti come una delle punte di diamante del blues nostrano. E qualche tempo fa (forse son già passati 10 anni) ho avuto la prova di tutto questo avendoci suonato assieme a Venezia, in una stupenda serata autunnale in Campo Santa Margherita. Ricordo benissimo che Stefano non era solo un bravo chitarrista ed un bravo cantante. Sapeva raccontare belle storie prima ma anche durante il concerto. E ricordo benissimo una "little red rooster" entusiasmante, con un solo di PIANO apprezzato. L'intervista va quindi ascoltata con la massima attenzione perchè Stefano dice sempre cose importanti, anche quando lo incroci per caso in traghetto, di ritorno dai rispettivi concerti (come è successo spesso in quel periodo). Buon ascolto!


Ascoltare l'intervista è facilissimo, basta cliccare sul triangolino qui sotto, simbolo universalmente noto come "PLAY".



Potete ascoltare interamente le puntate di "note blues" di Massimo Salvau in diretta alla radio o successivamente sul sito
Radio Golfo degli Angeli si ascolta in radio sui 94.10 MHz per la provincia di Cagliari e 96.10 per la zona di Arbus e Oristanese.

E dopo l'intervista arriva il momento della presentazione ufficiale della band, ricopiata direttamente dal sito ( linkato più sotto).

Stefano Zabeo & TV Mama é un trio rock-blues, nella tipica configurazione: chitarra, basso, batteria. Contrariamente all'attuale tendenza vaughaniana però, la musica del gruppo preferisce trarre ispirazione dai Cream, da Johnny Winter, dagli Animals e dagli Yardbirds.
All'inizio c'era... TV Mama e basta. E come poteva essere altrimenti? Erede di quella generazione che era nata seguendo le orme dei propri idoli così sapientemente rappresentati nel film "Tutti Per Uno" (in Inglese il titolo era "A Hard Day's Night"), volevo un gruppo vero, un "complesso" come si diceva allora. Ma tant'è... finiscono pure i matrimoni, figurarsi se non finiscono i sodalizi di natura musicale! E così il tempo passava, ed era sempre più difficile fornire un'immagine univoca usando quel nome. E allora ci ho messo il mio davanti, così un segno di continuità ci sarebbe stato per forza... Strano a dirsi, proprio a partire da quel momento le formazioni diventarono più stabili, solo 3 in più di vent'anni, fino a quest'ultima, partita da poco ma già per me così importante e sorprendentemente piena di stimoli artistici! Al basso c'è Mauro Tolot, un carissimo amico e musicista di talento in grado di fornire, mediante la solidità del suono che produce, un tappeto magico su cui diventa davvero facile far volare voce e chitarra. Con lui mi sento di sperimentare vie che possono pure diventare ardimentose, ma la paura di cadere non emerge mai. E non è a caso che di queste qualità si siano accorti in molti, fra i quali Maurizio Solieri che spesso lo chiama per accompagnarlo nelle sue esibizioni dal vivo. Mauro poi mi ha presentato un batterista d'eccezione: Carlo Bonazza. Ricordate i Prozac+ e la cantante Elisa? Eh sì, c'era proprio lui con loro. Ma, al di là delle referenze, Carlo ha saputo con intelligenza e potenza dare un apporto decisivo al sound del gruppo, donandogli un tocco di personalità ritmica cui oggi mi risulterebbe davvero difficile rinunciare. Stefano Zabeo fa parte sicuramente di quella ristretta cerchia di musicisti italiani che hanno cominciato a fare blues ancora quando ben pochi, almeno qui da noi, conoscevano questo genere. Una instancabile attività concertistica condotta in tutta la penisola gli conquista poi una discreta fama in ambito nazionale, tanto da essere convocato più volte in quasi tutti i festival maggiori e minori svoltisi in Italia (Nave Blues, Bergamo Blues, Festival Blues di Ravenna, Bluesin’ di Pistoia, Blues Festival di Massa Marittima, Blues Festival di Torrita di Siena, Narcao Blues Festival, International Blues Festival di Cagliari, Aventino Blues Festival, Salerno Blues Festival, Festival del Blues di Nusco, Festival del Blues al Lago Ampollino, Catania Blues Festival, ecc. ecc.) e da essere invitato in numerose trasmissioni televisive su reti RAI e private. Oggi, rifacendosi a quel filone musicale chiamato “British Invasion” che così ben conosce avendone fre-quentato personalmente i diretti protagonisti e avendo spesso con loro suonato dal vivo, il chitarrista-cantante Stefano Zabeo propone un concerto dove i classici del rock e del pop inglese degli anni 60/70 vengono brio-samente riletti secondo il suo personalissimo stile in una chiave più moderna. La band che lo accompagna è composta da musicisti di grande levatura, in grado di dare una notevole spinta ad una musica già molto energica di suo: buon divertimento quindi con Stefano Zabeo & TV Mama!



Il sito del gruppo

mercoledì 21 aprile 2010

Aggiornamento sulle Attività del Vostro Carissimo

Ora che è (speriamo) quasi tutto ufficiale posso scrivere due righe su quelli che saranno i miei prossimi impegni futuri. Un "in bocca al lupo " a me, e crepi!
I progetti che vi elenco ora giustificano quasi totalmente i miei pochi post in quest'ultimo periodo. Prometto che vi terrò aggiornati sugli sviluppi, ora che è finita una prima fase molto importante che li riguarda:

- PROGETTO 1 - Nuovo CD dei Four Fried Fish, in uscita entro Natale 2010. In occasione di questa importantissima uscita scriverò e pubblicherò nel "laboratorio di piano blues" alcuni esercizi di riscaldamento dedicati proprio alla futura incisione del disco, e non solo.

- PROGETTO 2 - Cd solista che raccoglie i momenti migliori di questo Blog, rivisitati, migliorati e mixati e masterizzati da un tecnico professionista (che sto contattando). Questi brani si potranno ascoltare sul blog e acquistare nei migliori rivenditori online di musica digitale. Devo ancora decidere se procedere alla stampa di qualche centinaio di CD per i fedelissimi. In uscita spero durante l'estate 2010 (se non arrivano impedimenti). Altrimenti entro l'anno o entro il primo trimestre 2011. Probabilmente il CD conterrà un brano nuovissimo cantato.

- PROGETTO 3 - Segretissimo, posso solo dirvi che è qualcosa di molto grosso (anche in termini economici), qualcosa che ho nel cuore da diverso tempo e non riguarda musica mia ...si tratta di un Restauro DOC. Ho già cominciato la "stesura" ma è ancora presto per lasciare una data di uscita..... seguite il blog e ne saprete di più (a PROGETTO 2 uscito).

- PROGETTO 4 - Album solista vero e proprio, rimandato più volte per i vari progetti (non solo quelli elencati qui sopra), è pronto a metà. Brani nuovissimi, introspettivi, autobiografici, cantati e non, compresi due brani molto vecchi completamente rifatti e rimessi a lucido. Visti i primi 2 progetti posso azzardare un "entro il 2011". Tengo incrociate le dita e fate il tifo per me !



Come vedete la carne al fuoco non è tanta, è tantissima. E considerati i miei lavori precedenti (Scuola di nuoto, Crescinacqua, Four Fried Fish & progetti collegati a Wiimusic e NintendoDS) posso affermare di non essere mai stato con le mani in mano .... Il ghiaccio è rotto, ora si tratta di far uscire tutto allo scoperto.

lunedì 19 aprile 2010

Real World Remixed !

Segnalo con molto ritardo il sito REALWORLDREMIXED in cui ognuno di noi ha la possibilità di riarrangiare alcuni famosi brani di Peter Gabriel, di Charlie Winston, Daby Tourè e tanti altri. E' semplicissimo, ci si iscrive e si scaricano i file audio contenenti le tracce del brano scelto. Si riarrangia il tutto utilizzando uno qualsiasi dei moltissimi programmi presenti in rete (a pagamento e non).

Questo "esperimento" mi ricorda moltissimo NOODLE, di cui avevo parlato positivamente qualche anno fa qui, qui e qui. Dispiaciuto per il mezzo fallimento di NOODLE, felice per questa nuova "creatura" di Peter Gabriel.

I Remix diventano spesso vere e proprie versioni alternative dei brani originali. Prendo ad esempio tre brani riarrangiati da "Idefix" Andrea Riderelli, ottimo Compositore e Direttore italiano (sito web) . La sua versione di "Not One of Us" è rimasta in vetta alla classifica del sito per diverse settimane ! Di seguito potete ascoltare tutti i suoi 3 remix. Per votarli seguite i vari link di questo post, se siete interessati invece alla produzione (il fulcro del sito) iscrivetevi e datemi vostre notizie.







Ps: amanti della musica classica, segnalo la prima importate produzione di Andrea Riderelli (Aliusmodum) "Invenzioni, Sinfonie & 6 piccoli Preludi".

giovedì 8 aprile 2010

Laboratorio di Piano Blues - 6

Laboratorio di Piano Blues

Scarica il file pdf

Bentornati a questo (per ora ) sporadico appuntamento dedicato al nostro rapporto con il pianoforte, con il blues e perchè no al rapporto che abbiamo con il nostro "io". Lo sapete che dedicare uno spazio quotidiano agli esercizi per pianoforte può servire ad approfondire la conoscenza di noi stessi? L'importante, per raggiungere ANCHE questo importante risultato è non fare mai nulla di meccanico, pensare ad ogni nota come se fosse un asse portante di tutto il brano e della nostra vita. "Ordinare" alle nostre dita di fare dei movimenti senza vivere questo momento con il cuore e con la mente significa restare solo in superficie e scollegarsi da qualsiasi forma futura di autocritica. E l'autocritica è fondamentale per tre semplicissimi motivi:

1- il maestro non è sempre presente con le sue osservazioni
2- il maestro potrebbe non essere abbastanza critico nei confronti di quel che facciamo
3- non avete un maestro

Un atteggiamento critico (non esasperato) è la base per il nostro miglioramento!

Per questi motivi gli "studi" che vi presento non devono essere eseguiti sempre alla lettera (o alla nota...). Inizialmente vanno si letti ed eseguiti, ma poi vanno perfezionati e cambiati a seconda delle vostre esigenze (e delle vostre capacità).

Lo studio di oggi è principalmente basato sulla mano sinistra, si tratta di due accompagnamenti molto importanti da studiare sia come scritti, sia in terzinato. Toglietevi dalla testa che il terzinato è più importante, i boogie vengono eseguiti anche così come li ho scritti.
Nella seconda parte facciamo lavorare anche la mano destra. Non si tratta di un vero e proprio solo bensì di alcuni esercizi-base per ottenere un buon "shake" che fa sempre molto rock'n'roll, ma non dimentichiamo che il rock'n'roll è figlio del boogie e del blues.
Ho preferito non appesantire troppo il lavoro della mano destra lasciandola muta per un giro completo (infatti entra in scena dalla 12a misura) e disegnando un accordo sul momento più bello, ovvero sul quarto e quinto grado (G-F se si suona in C) . Attenzione però, l'accordo che ho scritto è uno dei più belli e spettacolari per il piano blues.

Passo ora ai consigli "generici":

- studiate prima la mano sinistra
- occhio al passaggio fra i due tipi di accompagnamento, la ripetizione è fatta apposta quindi diventa obbligatoria
- l'esercizio va ovviamente trasportato in tutte le tonalità.


Buon lavoro !