lunedì 29 dicembre 2014

Italians do it Better, spazio a NOI !


Stasera ore 22.00 sempre su www.radionoventa.it si ascolterà italiano. Un "esperimento" che ripeterò almeno una volta al mese perchè voglio dare spazio agli artisti italiani . Questo primo appuntamento sarà una puntata "zero" quindi spazio ad artisti legati al sottoscritto. In primis i Four Fried Fish, gruppo fondato da me e Flamiano Mazzaron, Marco Pandolfi, Enrico Crivellaro e Iarin Munari. Perchè li ho scelti? Sintonizzatevi sul sito (la radio è only-web) e ascoltate bene quello che vi racconterò ! Buon ascolto e.... appuntamento col Podcast subito dopo.

Ed ecco la playlist della serata:

Rambling On My Mind - Rudy Rotta
Homeway Blues - Four Fried Fish
Love Can Change Everything - Four Fried Fish
You Don’t Mess Around With Jim - Barbara Belloni & Four Fried Fish
You Upset My Mind - Marco Pandolfi
Phonograph Blues - Richard Ray Farrell - Marco Pandolfi
Walkin’ and Walkin’ - Enrico Crivellaro
Last Night in Atlanta - Enrico Crivellaro
Catch The Monkey - Free Jam
That Light - Free Jam





lunedì 22 dicembre 2014

Rock'n'Roll e Blues...si può ???

E stasera terzo appuntamento col Blues e la musica "mora", alle 22 su www.radionoventa.it.
Radio esclusivamente Web con possibilità di riascoltare in Podcast la trasmissione all'infinito. Tutte le puntate sono riascoltabili, basta cliccare sull'apposito banner alla vostra destra.

Primo appuntamento tematico che dedico al "figlio" del Blues, il Rock'n'Roll . Racconti e impressioni, come al solito sarò un libro aperto.

Buon ascolto!!!


Aggiornamento: la playlist della puntata

The Blues Had a Baby - Muddy Waters
Roll Over Beethoven - Chuck Berry
Worried Life Blues - Chuck Berry
Johnnie Be Good - Chuck Berry
Tanqueray - Johnnie Johnson
Key to the Highway - Johnnie Johnson
I’m Walking - Fats Domino
Whole Lotta Lovin - Fats Domino
So Long - Fats Domino
Hound Dog - Little Richard
Kansas City - Little Richard
Lucille - Little Richard
Great balls of fire - Jerry Lee Lewis
Oh When The Saints Go Marchin’ in
I’m Counting on You - Elvis Presley
Shake Rattle and Roll - Elvis Presley
White Christmas - Elvis Presley

lunedì 15 dicembre 2014

Notte in Blu, seconda puntata !

Stasera alle 22.00 tutti su www.radionoventa.it per la seconda puntata di Notte in Blu. Prima parte dedicata all'ascolto delle prime registrazioni Blues che risalgono agli anni '20 . La seconda parte sarà invece molto "ballabile" e leggera, come dire....Let The Good Times Roll ! Appuntamento col Podcast subito dopo, dalle 22.10.
Vi aspetto numerosissimi !

Aggiornamento: playlist della serata

The Blues Overtook Me - Charlie Musselwhite
Crazy Blues - Mamie Smith
How Long How Long Blues - Leroy Carr
St. Louis Blues - Shirley Bassey
Spoonful Blues - Charlie Patton
Me and the devil blues - Robert Johnson
Flip Flop and Fly - James Cotton
Boogie Thing - James Cotton
Got my Mojo Working - James Cotton
Let the Good Times Roll - B.B. King
The Sky is Cryin' - Freddie King
Trouble no More - Muddy Waters Tribute Band

lunedì 8 dicembre 2014

Notte in Blu, da stasera in diretta !

Comincia stasera - o meglio stanotte - alle 22.00 la mia esperienza radiofonica con la trasmissione "Notte in Blu". Web Radio che trovate su www.radionoventa.it . Una rubrica dedicata al Blues almeno come punto di partenza. Di sicuro già dopo le prime puntate amplierò gli orizzonti sempre restando legato alla Black Music (ovviamente). Accetterò tutti i vostri consigli visto che per la prima volta starò dall'altra parte. Fino a ieri son stato abituato a trovarmi "al di qua" a parlare della mia musica agli speaker, a suonarla. E il mio pensiero va proprio agli speaker (pochi purtroppo) che parlano di Blues nelle radio italiane. Penso a Massimo Salvau di Radio Level One (Cagliari) , a Fabio Treves di Lifegate Radio ( Milano) , a Cesare Pegoraro di Padova (Radio Sherwood e ora Radio Base), a Edo Fassio di Radio Flash (Torino) , a Mauro Alberghini di Radio Città del Capo (Bologna). QUESTA SERA spazio ai miei primi ascolti del blues che risalgono agli anni '90 ma anche ad una pianista-cantante a cui sono particolarmente affezionato. Chi è? Seguitemi alle ore 22.00 su www.radionoventa.it  ( podcast disponibile dopo qualche minuto dalla fine della trasmissione). Vi aspetto, appassionati curiosi e amanti della musica.

Aggiornamento: playlist della puntata


- Back door man - Willie Dixon
- The thrill is gone - B.B. King
- You don't have to go - Jimmy Reed
- Boom Boom - John Lee Hooker
- Forty Days Forty Nights - Muddy Waters
- Lord, I wonder - Katie Webster
- Black Satin - Katie Webster
- After you get rid of me - Katie Webster
- Stormy Monday Blues - Diane Shuur
- Find a Fool - Koko Taylor
- Hey Bartender - Floyd Dixon
- Baby what you want me to do -  Holmes Brothers



martedì 25 novembre 2014

Produrre musica con Guido Ponzini

Interessante articolo-lezione dell'instancabile Guido Ponzini. Lo segnalo perchè scorrevole e sicuramente utile !


Buona lettura !


lunedì 27 ottobre 2014

Comporre con il Wii Remote !

Guido Ponzini, più volte citato in questo Blog, sta progettando un'applicazione interessantissima che interfaccia il WiiRemote (il telecomandino con cui si gioca sulLa Wii, per intenderci) a programmi editor musicali. Il risultato è per me interessantissimo, giudicate voi dal video qui sotto!




venerdì 23 maggio 2014

Video dall'Hi-End di Monaco


La settimana scorsa ho avuto il piacere di essere ospitato presso lo Stand di FINE SOUNDS GROUP per proporre la musica di Jim Croce con Barbara Belloni Band. Bella esperienza ed ovviamente bella musica. Con questo video Alessandro Arcuri (bassista) ha creato una cartolina della due giorni (abbiamo suonato nelle giornate di venerdi 16 e sabato 17 con due set distinti, mattina e sera).

La musica di Jim commuove e piace ancora!


mercoledì 21 maggio 2014

Sick 4 Milk: Pay Intention


Con molto ritardo presento una delle più recenti uscite Velut Luna. Questo Album è registrato totalmente in diretta in un giorno (ricordo benissimo di aver visto il gruppo arrivare a Pregaziol - io stavo uscendo - alle 10 della mattina verso la fine del 2013). Registrazione d'alta qualità, bei brani e gruppo (da Roma) promettente. Disponibile, se volete prima ascoltare, in streaming sui "soliti" siti (Deezer e Spotify). Buon ascolto !






E’ sempre difficile parlare di qualcosa che ti coinvolge direttamente. Come, per esempio, di un disco di cui curi la produzione artistica. E un disco, se hai deciso di dedicartici, di offrigli il tuo tempo, le tue capacità, il tuo impegno, è un figlio. Anche se non l’hai scritto o interpretato tu, finisci comunque per esserne parte. Io ho prodotto una ventina di dischi, potevo produrne di più, forse, ma ho sempre scelto di lavorare sulla qualità e per la qualità. Presentare questo disco, proprio questo, è ancor più difficile che per tutti gli altri, perché qui di figli ce ne sono due più alcuni altri “adottati”. Non è un mistero, Jacopo, il leader dei Sick for Milk, è mio figlio. I suoi compagni di avventura li conosco qualcuno da quando aveva appena messo i calzoni lunghi, qualcuno da quando avevo ancora una timida speranza di conservare almeno parte dei capelli. Ho prodotto artisticamente un disco di mio figlio? No, anche se in questo non ci sarebbe in assoluto niente di male: ho prodotto il primo disco dei Sick for Milk, gruppo di cui sono fan sin dai primi concerti nei pub romani. Sono ipercritico con i miei figli, quelli legittimi e quelli adottati. Lo sono stato per tutti questi anni (non tantissimi, parecchi però rispetto all’età dei componenti il gruppo), sino a che, da appassionato, oltre che da professionista del settore “musica e affini”, non ho capito che questo talento, che largamente s’intuiva, era penetrato sino in fondo nelle anime di questi ragazzi, portandoli a una maturità artistica che certe formazioni, più mie coetanee che loro, non hanno ancora raggiunto. 
Non ho deciso di fare un disco: conversando una sera in posta elettronica con Marco Lincetto, gli ho chiesto di ascoltare un pezzo, il primo dei Sick in versione “unplugged”, che era su youtube, tanto per avere un parere. Marco dopo pochi minuti mi ha riscritto con una frase lapidaria “bravissimi, voglio fare questo disco”. Non ho dovuto faticare molto, né convincere nessuno. Il che mi ha tolto un grande peso. E mi ha confortato nella mia vanagloriosa convinzione di conoscerla e capirla bene la musica, di riconoscere i talenti. Insomma di saper fare il mio, bellissimo, mestiere. 
Sapevo, ovviamente, che la registrazione Velut Luna sarebbe stata di altissima qualità, dunque tutto perfetto. 
Poi quel che ne verrà ne verrà, questi ragazzi sono talentuosi non solo nella musica, e il loro essere, appunto, talentuosi in cose tanto differenti dalla musica è, a mio avviso, il motivo per cui, alla loro età sembrano già una formazione matura e affermata. Perché non ho mai creduto al talento distinto dall’intelligenza e dal sapere, o almeno dall’aver voglia di sapere. E mi scuserete se ho malamente citato Miles Davis. 
Se mi è concesso, chiudo questa brevissima presentazione con una notazione genetico-affettiva-animista: la Ovation acustica che suona Jacopo è quella che fu di suo zio Danilo e da lui lasciata prematuramente in eredità a questo indegno fratello che la passò ( un lunghissimo prestito) a suo figlio. E’ la numero 1037, la prima arrivata in Italia. E negli ultimi 35 e passa anni ha svolto molto, molto bene il suo compito, calcando i palcoscenici di tutta Italia e di un bel pezzo di mondo, senza mai perdere un colpo. 

Bebo Moroni 



Tracklist 

01 - Jennifer Lewis (J.Morroni) 4:34 
02 - Saltwater (J.Morroni) 2:51 
03 - Appetite (J.Morroni - L.Caputo) 4:21 
04 - Set Me Free (J.Morroni) 3:10 
05 - Stand In Awe (J.Morroni) 3:47 
06 - Waking Dreams (J.Morroni) 4:22 
07 - All Of These Things (J.Morroni) 2:36 
08 - Swing Life Away (J.Morroni - M.Aprile) 3:10 
09 - So Now (J.Morroni) 3:11 
10 - Canadian Wood (J.Morroni) 2:35 
11 - Searching (Umberto Morroni) 2:57 

Total time: 37:39 

All arrangements by Sick 4 Milk 

SICK 4 MILK: 
Jacopo Morroni, voice and guitar 
Gael Cascioli, guitars and percussions 
Andrea Falcone, electric bass 
Riccardo Finili, percussions 
Michele Aprile, alto sax 

special guest: Lilian, voice on tracks 3, 5, 7 



88.2kHz / 24bit original recording made strictly live-in-studio at Magister Area Studios, Preganziol, Italy on December 28 - 29, 2013 



mercoledì 14 maggio 2014

Barbara Belloni Band a Monaco (MOC) per Sonus Faber

Chi passerà per Monaco di Baviera venerdi 16  o sabato 17 maggio può venirmi ad ascoltare con Barbara Belloni al MOC (Fiera di Monaco di Baviera). Saremo allo stand di  SONUS FABER, 2 set al giorno (levano il medico di torno !). Ore 12 primo set, ore 16.30 secondo set. Purtroppo per motivi organizzativi saremo senza il grande batterista Alberto Toninelli, in una versione quindi molto "unplugged" . In base ai tempi e alle connessioni disponibili (in albergo dovremmo avere internet al 99,99%) posterò qualche foto e se possibile qualche video. Vi terrò comunque informati su questa bella collaborazione fra Velut Luna e Sonus Faber.

Per la precisione saremo a:


MOC Munich
Lilienthalallee 40
80939 Munich, Germany
Fine Sounds Group- Room D111, Atrium 3


giovedì 8 maggio 2014

Fare Musica in Italia.

Luoghi comuni, dicerie. Ottimismo e pessimismo. Sull'Italia e sulla possibilità di fare musica se ne sente una al giorno. 
Il mio parere (molto vicino a quanto dichiarato dall'ottimo Cristofoli) lo scriverò a breve, ormai ho visto abbastanza cose per averne uno. Per il momento vi lascio a questa gustosa lettura:




mercoledì 30 aprile 2014

Barbara Belloni Band in versione Music...Ale !

Sabato suonerò con Barbara Belloni Band ( Tributo a Jim Croce) a Piove di Sacco. Bel locale e un sound-check aperitivo verso le 19.30. Di seguito tutte le info:

SABATO 3 MAGGIO 2014
ORE 22.30

MUSIC ALE


PIOVE DI SACCO
via Garibaldi 108

tel: 393 4424402


Vi aspetto....ovviamente numerosi!


venerdì 18 aprile 2014

Water - Ascolto integrale su Sound Cloud !

In occasione delle festività propongo l'ascolto integrale del mio ultimo CD "Water" su sound cloud (come fatto a Natale). Per una quindicina di giorni circa.

Per scegliere il brano da ascoltare potete accedere alla pagina di SoundCloud dedicata alla playlist -----> link.  Oppure il player è giusto qui sopra !

Vi piace? Volete supportarmi ? Acquistate il mio cd online (direttamente da questo sito) o i files mp3 su tutti gli stores digitali come Itunes, Amazon, Googleplay (i link sono sempre in questa pagina). 

Vi ricordo che i CD sono in vendita anche al BlackMarket Music di Rosà, al Centro Video HiFi di Noventa Vicentina e al negozio di HiFi di Calto.

Buon ascolto.


mercoledì 16 aprile 2014

Mr. Wob and the Canes: Invitation to the Gathering


Il Blog ha subito un arresto giustificato, riprendo oggi presentandovi l'ottimo CD dei Mr. Wob and the Canes. Del gruppo fanno parte due mie vecchie conoscenze: Loris Tagliapietra e Giovanni Natoli (contrabbasso & drums), con loro ho suonato diverse volte e in diverse situazioni durante il mio "periodo veneziano". Dicasi periodo veneziano gli anni in cui con il mio carrello scorrazzavo fra i ponti e raggiungevo in 30 minuti qualsiasi punto di Venezia per affrontare un sempre soddisfacente concerto (più o meno fra il 2000 e il 2005). Ma non pensiamo al passato, questo è il presente e questo è l'ottimo CD di questo incredibile gruppo.


La band nasce il 3 Dicembre 2012 (con un concerto in un'osteria perduta tra le nebbie della campagna veneta) dalle esperienze di tre (ahinoi) non piu’ giovani musicisti, i quali convergono sull'idea di creare un trio di Blues cercando di recuperare quanto di africano, haitiano, misterioso e fuorischema ci sia nel Blues. Da qui il nome di Voodoo Blues. Dopo qualche periodo di studio, Mr. Wob & The Canes cominciano a proporre il proprio sound a partire da Venezia, loro patria, per poi muoversi a zonzo per il nord Italia. Dall'Emilia al Trentino, dalla Toscana alla Lombardia, questi "stagionati" musicisti, hanno deciso di portare in giro un modo diverso di fare il blues collezionando in un anno di attivita’ circa 50 concerti (non molti ma un buon inizio) fino alla registrazione del loro primo album "Invitation to the Gathering" dove trova una prima realizzazione la loro ricerca.
L’Album non non ha intenti revivalistici, al seguito di chissa' quale nostalgia e purezza che non ci appartiene.Un album che mescola il fife&amp&drum style del Mississippi con i ritmi primitivi del Blues senza dimenticare tributi stilistici alle esperienze piu’ classiche del blues e le sue trasformazioni piu’ moderne.Mr. Wob individua nel blues delle origini una fonte di Energia, un “parlare chiaro”, un “memento” per non dimenticare la natura “demoniaca”, dionisiaca e creativa dell' uomo: un sogno antimodernista, nel senso migliore, di ribellione, fatto di suoni diretti e di danza, di grida e di corpo. E tutto questo in una formula pressoche' unplugged e “povera”, in cui l'acciaio e la saggina hanno pari rilevanza nella produzione del suono. Le differenti provenienze musicali dei componenti (jazz, musica d'autore, folk) entrano a far parte del gioco, fondendosi con le regole fondamentali del blues, per un desiderio di creativita’ perenne. Il blues e’ voodoo, balli, odore d'Africa, canti di liberta’ e poverta’. Musica dell'origine dei tempi e del presente. In poche parole, il nostro e’un blues da ballare, da cantare, nato per essere un vero e proprio invito a radunarsi e festeggiare. Nei nostri blues non ci sono molte donne fatali che spezzano cuori ma piu’ spesso ci sono latifondisti che ti mettono alla fame, incarcerazioni,discriminazioni ed antichi riti di magia nera. E poi la festa, il ballo che libera, il canto che supera ogni discriminazione.

Tracklist:

1 - Invitation to the Gathering
2 - Conditions Blues
3 - I Feel like I'm Dying
4 - Time
5 - Black Wings Blues
6 - My Father's Gone
7 - New Year's Blues
8 - I see Her Tonight
9 - Spiritual

Musicians:

Andrea Facchin: vocal, guitars, banjo
Loris Tagliapietra: bullfiddle, whispering voices, percussion
Giovanni Natoli: drum, rubboard, risi&bisi

Ospiti: Enrico Pagnin, Alejandro Garcia Hernandez, Marco Cecchetto, Francesca Sciarretta, Giulia Santi

Registrato all' AREAMAGISTER STUDIO (Preganziol)
Mix: Gianluca Zanin
Mastering: Gianluca Zanin




lunedì 24 marzo 2014

Marco Pandolfi: No Dog in this Hunt


L'Album della settimana è dell'armonicista Marco Pandolfi. Per me è difficile presentarlo in modo imparziale in quanto ho condiviso con Marco il mio primo periodo Blues (più o meno dal 1990 fin quasi al 2000). Ricordo bene come Marco sia stato via via sempre più richiesto come armonicista e di sicuro il suo modo di suonare colpiva dritto nel cuore il pubblico ai nostri concerti. Penso di  non dire una cavolata (già mi vedo gli altri del gruppo chiamarmi e dire "hai detto una cavolata" ) scrivendo che sarebbe stato bello consacrare quel periodo con un Album (parlo di un Album della "Barrellhouse Blues Band"), in modo da avere una testimonianza sostanziosa di quei momenti. Cavolate a parte, ecco il suo ultimo lavoro che comprende cover di illustri bluesman e brani originali. Non è il primo CD di Marco, mi pare di contarne 5 (escluse le partecipazioni, ad esempio quella con i Four Fried Fish), e direi che dopo avere ascoltato e gustato questo sarebbe il caso di  provvedere al recupero degli altri ( qui tutte le info ) . Potete preascoltare e acquistare su iTunes, Amazon e CDBaby mentre trovate il CD fisico ai concerti di Marco (tenete d'occhio il sito ufficiale ). Questa la tracklist e le info.


  1. AIN’T THAT LOVIN’ YOU BABY (J. Reed)
  2. THREE SHOTS ON A ROW (M. Pandolfi)
  3. EARLY IN THE MONRING (M. Pandolfi)
  4. UP THE LINE (W. Jacobs, W. Dixon)
  5. NO DOG IN THIS HUNT (M. Pandolfi)
  6. YOU GOTTA FIND (M. Pandolfi)
  7. LAST NIGHT (W. Jacobs)
  8. I GOT LOVE IF YOU WANT IT (J. Moore)
  9. ROSARIO (M. Pandolfi)
  10. I’M A LOSER (M. Pandolfi)
  11. LEAKING ROOF (M. Pandolfi)

Marco Pandolfi – vocals, guitar, harmonica
Federico Patarnello – drums
Lucio Villani – upright bass

Thanks to:
Jean Charles Carbone – piano on 1
Antonio Gallucci – baritone saxophone on 4
Zeno Odorizzi – tenor saxophone on 4, 5
Federico Zaltron – violin on 6

Special guest: Enrico Crivellaro, lead guitar on 5, 10
Enrico Crivellaro appears courtesy of Electro-Fi Records

Marco Pandolfi plays harmonica on 1 and 8 with:
Flex Rack Amplified by Bluexlab www.bluexlab.com

Record producer: Jean Charles Carbone @ Abnegat Records www.abnegat.com
Artwork: Lucio VIllani luchoboogiegraphic.blogspot.it



mercoledì 19 marzo 2014

giovedì 13 marzo 2014

Rondeau de Fauvel: Gaudete et Exultate !


Oggi presento un lavoro originale dei Rondeau de Fauvel, un validissimo gruppo di musicisti di Vicenza che va visto soprattutto dal vivo grazie ad uno spettacolo anche visivo di ottimo livello. Il CD è uscito da qualche settimana, potete acquistarlo direttamente dal sito del gruppo (o su ibs.it) mentre la copia digitale può essere vostra subito (con preascolto) nei classici e-shop come iTunes e Amazon. 


"Fauvel è, nel suo nome acrostico, l’incarnazione di tutti i vizi capitali di un asino divenuto, in seguito ad un capriccio della dea Fortuna, padrone del suo padrone, ossia dei suoi fustigatori, immersi nel peccato [...] Prendendo le iniziali della riduzione francese dei sette in sei peccati capitali (eliminando la gola) ne deriva il seguente acrostico: Flaterie – superbia, Avarice – avarizia, Vilanie – ira, Variété – accidia, Envie – invidia, Lacheté – lussuria.
Di questo capolavoro di iniquità il primo a fare un ritratto in musica fu
Philippe de Vitry. Michele Mastrotto si è rifatto allo spirito del Vitry ma ha usato una scrittura musicale più vicina ai nostri tempi, senza tradire la spettacolarità del linguaggio medioevale che, in quanto itinerante, doveva necessariamente servirsi di espedienti, colpi di scena e artifici 
Ne risulta uno spettacolo gradevolissimo, che, se non ci restituisce di certo l’immagine storicistica del medioevo ci ripropone in toto lo spirito culturale dell’epoca. Questa era la sfida più difficile che i “Rondeau de Fauvel” hanno vinto grazie alla loro profonda conoscenza musicale sia del patrimonio antico che della scrittura moderna, restituendoci per tutto il tempo della rappresentazione la finzione dell’exemplum medioevale, affinché nel processo catartico dall’evidente realismo ognuno di noi possa assistere alla rappresentazione dei vizi “che l’uomo eternano” in una dimensione, certo più disincantata ma, appunto per ciò, più genuinamente vera, sì che, comprendendo l’ipocrisia messa alla gogna da Fauvel, possiamo comprendere anche il ridicolo della nostra quotidianità."

(note di sala a cura di Massimo Celegato – Centro Musica- Galleria San Lorenzo, 11 – Vicenza)

Tracklist:


  1. Kaisermarsch
  2. Oh Fortuna
  3. Brevis Furor
  4. Les Fleurs du Mal
  5. In Taberna
  6. Land des Wunders
  7. Locked Within The Crystal Ball
  8. All Though the Night
  9. The Shaman in Me
  10. Mirabilia
  11. Riverflow
  12. Gaudete Homines Gaudete


CD info:


Management
Paolo Sgevano – FramEvolution
Music Publisher
Cramps Edizioni Musicali
Producer and Art Director
Michele Mastrotto
Art Concept and Editing Video
Daniele Mastrotto
Rondeau de Fauvel
Michele Mastrotto: Hammered Dulcimer, Piva, Pan Flute, Baroque Timpani,
Tabla, Percussions, Synth, Drums (hide track)
Claudia Tognacci: Lead Vocal
Ilaria Fantin: Lute, Bouzouki
Eleonora Volpato: Celtic Harp
Marco Penzo: Electric Bass, Double Bass
Claudio Marchetti: Drums
Didier Bellon: Timpani, Bells, Glockenspiel and other percussion
Assistant Orchestra Conductor
Fabrizio Castania
Additional musicians
Iain Alexander Marr: Low Whistle
Irene Pedrollo: Violin I
Maria Ines Zanovello: Violin II
Manuela Masenello: Viola
Massimiliano Varusio: Violoncello
Luciano Sberze: Nickelharpa
Paolo Sgevano: Bouzouki ii
Claudio Bettega: Craviola
Tranquillo Forza: Baroque Trumpet 1
Cataldo Barberi: Baroque Trumpet 2
Luca Mastrotto: Baroque Trumpet 3
Paolo Rocchi: Guitar (hide track)
Federico Bianchetti: Electric Bass (hide track)
Choir
Coro polifonico S. Biagio
Conductor: Francesco Grigolo
Narrators
Anna Zago
Anna Farinello
Virtual Orchestra Programmer
Michele Mastrotto
Fabrizio Castania
Live Sound Engineering and Designer
Massimo Bertoldo
Music and Arrangements 
Michele Mastrotto
Additional string arrangements
Fabrizio Castania
Additional choir arrangements
Francesco Grigolo
Bibliography of Narrative Texts
C. Casagrande – S. Vecchio “I sette Vizi Capitali” storia dei peccati nel medioevo – Einaudi
Basic Tracks recorded at StudioZ (montebello) from june 2010 to November 2013
Additional Tracks recorded at teatro San Marco (vi) - 14th April 2012
Hollywood Audio Service
– f.o.h. and recording engineer: Massimo Bertoldo

Mixed & Mastered at StudioZ by Michele Mastrotto


mercoledì 12 marzo 2014

Velut Luna e Paola Casula a Calco



Il mese scorso ho passato una bellissima serata-concerto con Flamiano Mazzaron all' Alta Fedeltà di Calco. Un concerto in cui abbiamo presentato i successi dei Four Fried Fish in versione acustica mentre in apertura ho avuto l'onore di presentare un brano del mio CD "Water". Visto il successo della (bella) iniziativa si ripete sabato con Paola Casula che presenterà a sua volta il suo ultimo CD che vi ho presentato qui . Obbigatoria la prenotazione, consigliata la presenza. Ovviamente sarà presente anche Marco Lincetto che presenterà le ultime uscite Velut Luna già dal pomeriggio. Presso Alta Fedeltà è possibile acquistare i prodotti Velut Luna compreso anche il mio CD (che da quel che ho capito piace e vende qualcosina, un grazie agli amici di Calco per il loro lavoro). 

Tutte le info sulla serata QUI, sul sito ufficiale del negozio.


mercoledì 5 marzo 2014

Anniversario di WiiMusic a Parma, Giovanni Amighetti lo racconta su VitoIuvara.com

Qualcuno si ricorda di WiiMusic? Oltre al gioco, nel febbraio del 2009 fu organizzato da Giovanni Amighetti un super-concerto che comprendeva il famoso e discusso software Nintendo accanto a musicisti veri reali compreso il sottoscritto. Oggi Giovanni ricorda quei giorni e ne parla su www.vitoiuvara.com , il racconto è per il momento diviso in tre parti che vado subito a linkare:



E vi ripropongo il video-riassuntivo della serata.




lunedì 3 marzo 2014

The Twisters with Alice Violato - Music Odyssey


Con molto piacere oggi segnalo l'ultima fatica di Alice Violato e Paolo Bacco, un CD che non può mancare alla vostra raccolta non solo perchè è gustoso da ascoltare. Dieci brani originalissimi firmati Alice & Paolo frutto di un enorme lavoro di arrangiamento di tutto il gruppo che ha deciso di spostarsi dal Blues prodotto fino all'anno scorso. Potete acquistare il loro CD ai concerti mentre il formato digitale è disponibile su CDBaby (qui sotto tutti i links).

E’ “MusicOdyssey” il titolo della nuova avventura discografica di The Twisters with Alice Violato, il terzo cd in quasi dieci anni di storia dalla fondazione della band. Un disco di dieci pezzi originali ed eterogenei, che come sabbia sottile e volubile si spostano e prendono forma secondo la direzione del vento, alla ricerca di emozioni e ricordi, costantemente sospinti dalla voglia di esplorare nuovi lidi stilistici ed espressivi. 
“MusicOdyssey” asseconda la necessità di sviluppare forma e stile sulla base delle emozioni intrinseche al brano; da questo concetto ne è scaturito un poliedrico quadro, che per varietà stilistica e temi affrontati, si spinge oltre ai precedenti lavori del gruppo: “Blowin’ the Blues Everywhere” (2007) e “No Ordinary Blues” (2011).
La nostalgica “Hi Dad” accarezza ricordi d’infanzia legati alla figura paterna, snodati su una ritmica rhythm ‘n’ blues aperta da un riff sospeso e malinconico del chitarrista Paolo Bacco. 
“Dream of me” si slancia su note profonde di pianoforte di Claudio Lupo, eterea e fortemente emozionale, descrive la storia nata da un abbraccio in una notte d’estate. 
Sulle cadenzate note della rumba di “Say what you want from me”, esce prepotente il carisma e la grinta di Alice Violato che, parafrasando l’eterno conflittuale rapporto tra uomo e donna, vuole sentirsi dire una buona volta tutta la verità. 
Con “Sand”, il brano più rappresentativo per l’intera formazione, The Twisters affondano le mani su un territorio profondamente contaminato da jazz, blues e soul, dove si sussurrano il desiderio e l’impossibilità della condivisione di un sentimento, in una costante modulazione di toni ora soffusi, ora sostenuti, che esplodono in un incalzante crescendo finale. 
Ironica e provocatoria, “Ulysses and the Siren” rilegge l’episodio dell’Odissea in cui il protagonista ode il canto ammaliatore delle Sirene. Ancorata ad una ballabile figura ritmica latina dettata dalla batteria e dalle percussioni di Matteo Coassin, la vicenda di Ulisse inaspettatamente vira in un inedito finale. Una delle due sirene, invaghita dell’astuto Ulisse, cade nelle sue mani, e decide di seguirlo fino ad Itaca. Ma una volta tornato in patria, Penelope lo sta aspettando e la dolce Sirena vede il suo sogno d’amore svanire…
Di atmosfera ed ambientazione country “Ride on, ride on” racconta una storia di orgoglio: un cowboy che affronta la vita sempre a testa alta, nonostante i suoi errori e le inevitabili conseguenze, senza mai curarsi delle regole, né accettando compromessi.
Strutturata su una solida e minacciosa linea di basso di Nick Muneratti, ispirata nell’incedere dai toni martellanti del piano boogie, “Down that Road” furiosa e imperterrita conduce fino alla fine della strada stretta e oscura dettata da una volontà cieca. Il punto di non ritorno dove nonostante tutto e ad ogni costo, la cosa più importante è andare fino in fondo. 
Si muove su un energico groove di basso e chitarra a cui rispondono le note inferocite di clavinet, mentre la voce si alza sugli acuti e ostinata ti porta fino alla fine, fino a quando quelle parole non ti escono di bocca, è un inno: “I want it funky!”
“Manhole’s Mud” è un episodio di vita vissuta ed una parafrasi dell’essere umano in difficoltà. Il tombino è una metafora del momento in cui pensi di non farcela, perché sei solo. Ma la solitudine prospetta anche orizzonti alternativi e non è sempre una nota negativa, se impari a ballarci sopra… come in questo brano.
C’è sentimento e verità in ogni nota, parola e lacrima che compone “The Streets of Heaven”, che si ispira alla tradizione gospel sia nelle scelte armoniche ma anche nel messaggio di speranza che vuole esprimere.
MusicOdyssey è un viaggio alla ricerca della propria sonorità: dentro e fuori dal presente e futuro di The Twisters with Alice Violato.

Tracklist:

1 - Sand
2 - Hi Dad
3 - Ride On Ride On
4 - Say What You Want from Me
5 - Down That Road
6 - Ulysses and the Siren
7 - Manhole's Mud
8 - Dream of Me
9 - I Want It Funky
10 - The Streets Of Heaven


The Twisters with Alice Violato:

Alice Violato: Voce
Paolo Bacco: Chitarra
Nick Muneratti: Basso
Claudio Lupo: Tastiere
Matteo Coassin: Batteria





venerdì 28 febbraio 2014

Endless Ocean - part 2


Foto by Dennis Ziliotto

Da oggi potete ascoltare GRATIS il brano Endless Ocean (part 2) - vedi il player SoundCloud qui sopra. E' il settimo brano del mio cd "water" che potete acquistare direttamente in questo blog oppure - in versione digitale - in tutti gli stores come Amazon o iTunes . E' un brano che mischia sonorità elettroniche (tantissime le tastiere) ad atmosfere leggermente etniche (in stile Real World). Incredibile la batteria di Iarin Munari che ha dato sicuramente una marcia in più a questo brano.

Buon ascolto !