lunedì 26 ottobre 2020

Le Pagelle del Fabiet - Letter to You (Bruce Springsteen)

 

Del gruppo affiatato

Avere un gruppo (musicale) affiatato è come avere diverse marce in più in un'auto di lusso, avere anche più retromarce il tettuccio apribile ed un cielo pieno di stelle.

Avere un gruppo affiatato significa avere un sound solido, collaudato, pronto all'uso. Significa poter avere diverse visioni musicali ma uscirne con una sola. Significa non tornare a casa soli, bere l'ultima birra (se si può) in compagnia.

Avere un gruppo (musicale) affiatato è percorrere una strada senza incroci sapendo però che alla fine arriverà un vicolo cieco o una strettoia. 

Avere un gruppo affiatato significa non aver paura di eventuali incidenti.

Puoi essere dentro il gruppo affiatato o servirti del gruppo affiatato.

(tratto dal libro "delle cose generiche" del Fabiet)



Letter to You, Bruce Springsteen. "Il ritorno del Boss", è sempre il ritorno del Boss con la differenza che non sai mai come torna. Se in versione acustica intima (quella per me più affascinante), in versione originale oppure con la E-Street Band. Una bella sorpresa questo album che arriva dopo un anno (qualcosa di più) dall'ottimo "western stars". Riunita la E-street Band, il risultato lo conosciamo già tutti nel bene e nel male. Il bene è che si torna a casa e si comincia a fantasticare su stadi pieni e concerti della durata media di 10 ore. Il male è che non ci sono le classiche "note di rilievo" "ah però" ed esclamazioni varie: un album che piacerà - e molto - ai suoi moltissimi fans. Ma il Bruce del primo brano "one minute you're here" lo dovete cercare altrove. Qui ogni brano parte con una rullata di batteria (e se non è subito arriva sempre nell'immediato), tre chitarre e la voce del Boss, nel segno di quel "wall of sound" tipico della E-Street. E nel segno di riempimento ovviamente piano e organo, cori e - quando si può - varie ed eventuali.
Voto 7: sound tipico, brani rock e rock'n'roll pronti per l'uso live ma non moltissimo di nuovo sotto sole. Ma è Bruce Springsteen con il suo marchio di fabbrica, se da un lato la produzione è discreta dall'altro si subisce il fascino storico della sua musica e si torna a riascoltarlo ancora ancora ed ancora.

sabato 24 ottobre 2020

Dancing in the Street

 

Il sogno di un diffusore sonoro (metteteci quel che volete dalla radio portatile ad una cassa amplificata di quelle che vanno di moda oggi) e qualche persona che ci balla a fianco. Come in un film.
Rarità o ancora meno, il sogno di vedere un po' di vita "vera" (non intendo "vita" l'affollamento di x persone con bicchiere mezzo pieno in mano fuori da un pub), gente che si muove magari ascoltando qualcosa di nuovo.

Non esiste, non si può. Facile la tentazione di denucia, di richiamare all'ordine pubblico con un motivo qualsiasi (di sicuro non esiste un permesso per questo genere di cose). Mancanza di coraggio e se c'è diventa facile scoraggiare. Eppure la musica non è solo ascolto è anche ballo - possibilmente non di gruppo, a ritmo e utilizzando tutte le parti del corpo. La playlist di questa puntata mi fa pensare al ballo. Di certo è musica fatta da musicisti (seduti o in piedi), ma fatta per chi vuole tenere in movimento mente e corpo. Buon ascolto.

Soul Kitchen è una produzione Radio Noventa, trovate tutte le puntate nella pagina spreaker.

giovedì 22 ottobre 2020

Le Pagelle del Fabiet - Album n.8 (Katie Melua)

 


Sulla durata.
Chi mi legge sa quanto tengo in considerazione la lunghezza di un album. Probabilmente fiumi di parole si son spesi e magari qualcuno non si è limitato solo a quelle (parole o fiumi fate voi). Non c'è una regola e nessuno potrà mai affermare di avere la verità assoluta. 
Un tempo ragionevole è per me da sempre quello che era la durata massima di un 33 giri: circa 50 minuti. Va da se' che se un artista si accinge a portare la propria musica su Album dovrebbe avere - fra i vari obiettivi - il raggiungimento di un minutaggio pari o superiore ai 40 minuti. Questo per spiegare che al di sotto di questa soglia (già molto bassa per il sottoscritto) si dovrebbe seriamente cominciare a pensare di aver portato poche idee al proprio mulino.

Ma come scritto non c'è nessuna punizione o controindicazione se non quella di lasciare l'ascoltatore - forse - leggermente "a bocca asciutta". Se quelli sono i brani cosa possiamo farci noi ascoltatori o peggio ancora noi autori? Nulla se non - come fa il sottoscritto - togliere un punticino all'eventuale valutazione. Così, tanto per dare un piccolo schiaffetto per poi tornare amici.


Album n. 8 - Katie Melua. Appunto, 37 minuti per questo ottavo album della brava e bella cantante georgiana naturalizzata inglese. Ci aggiungo il titolo dell'Album che annuncia scarsa fantasia o poca voglia di lavorare quelle poche ore di più per raggiungere la sufficienza. Invece Katie porta su disco - o in digitale - 10 brani veramente ben fatti. Un album in cui domina la sua voce narrante appoggiata spesso su arrangiamenti caldi e ben costruiti, mai scontati nonostante la presenza centrale di archi e chitarre varie. Non mancano brani "fuori dal coro" come "English manner" e "Voices in the night" che regalano qualche sorpresa sonora portandoci per qualche minuto in un pianeta diverso da quello cantautorale che pare essere la dimensione ricercata e voluta per questo ottavo album di Melua. Non aspettatevi grandi sviluppi strutturali nei brani o parti strumentali anche marginali, ruota tutto attorno a cantato e testo. Nulla di grave nel momento in cui tutti i brani risultano piacevoli da ascoltare anche più volte.
Voto 7: tolgo il classico punto per la durata globale, l'album è buono e non noioso, molto intimo e dolce. Ottimo il lavoro degli arrangiatori grazie ai quali ogni brano esce vincente nonostante tutto ruoti attorno alla cantautrice. Se cercate l'alternativa a James Taylor o Norah Jones questo potrebbe essere il momento giusto.

lunedì 19 ottobre 2020

Le Pagelle del Fabiet - Good Luck, seeker (Waterboys)

 


Non dobbiamo mai smettere di cercare anche quando non pare più il momento, anche quando ti dicono che "non hai più l'età" o che "non serve a nulla, ". La ricerca è essenzialmente per noi stessi e per il nostro arricchimento non di certo per gli altri. Se qualcuno poi vuole arricchirsi con noi, ben venga. 
Ricerca non significa sempre successo anzi molto spesso (e soprattutto di questi tempi) non paga nell'immediato e nemmeno del futuro prossimo. Nel possibile futuro si, forse paga.
Le pagelle di oggi ascoltano un cercartore puro: Mike Scott e quel che resta dei Waterboys. 


Good Luck, Seeker - The Waterboys. Pare un augurio rivolto a se' stesso, al leader dei Waterboys che ci crede ancora e continua imperterrito nelle uscite discografiche e nella ricerca sonora. Il precedente "where the action is" mi era piaciuto a tal punto da tenerlo in playlist per un po' di tempo. Se l'azione era molto rock per la ricerca si punta molto sull'ambiente soul, facile quando il primo brano si intitola "soul singer". Un soul - rock'n'roll se mi è permessa questa fusione. Riuscito in parte, ascoltabile e riascoltabile nei primi brani grazie alla competenza di Scott nel trovare equilibrio fra sonorità, ambienti, arrangiamenti e testi. Meno riuscita la seconda parte, più elettronica e scura in cui non si capisce bene cosa si deve ascoltare: testi recitati o musica sottotono e ripetitiva, title track compresa. Nel mezzo, a fare da bilancere, una curiosa cover di "why should I love you" di Kate Bush (che Prince scrisse per Kate contenuta nell'album "red shoes") che non brilla di certo per originalità. 
Voto 6,5: album riuscito a metà con una cover importante ma che non convince. Nessun brano meritevole di citazione nonostante il lavoro di produzione fatto in studio meriti più di un ascolto. Album che forse anche i fans di Scott metteranno velocemente sullo scaffale.

sabato 17 ottobre 2020

Had a friend (one time)

 


Non è una puntata dedicata a Rudy Rotta ma è un modo per ringraziare anche lui per quello che oggi sono o meglio per quello che oggi ascolto. La storia del brano che ascolterete a fine puntata (prima ovviamente la solita spumeggiante playlist) è molto semplice: lo ascoltai sul nascere quando Rudy la proponeva nei suoi infiammanti live. "Had a friend" sicuramente uno dei brani più emozionanti del suo repertorio che poi finì sul secondo cd "Reason to live". La versione di Soul Kitchen è contenuta però in un album uscito più avanti, non un semplice remaster, è stata risuonata da capo.

Soul Kitchen prosegue e vi terrà compagnia per tutto l'inverno. Sono previsti dei live nonchè il ritorno della versione "Album", tanti ritardi dovuti all'intensa attività di queste settimane che mi sta portando anche altrove. Buon ascolto.

lunedì 12 ottobre 2020

Le Pagelle del Fabiet - Zerosettanta Volume 3 (Renato zero)

 


Carissimo Renato,

mi decido a scriverti ora, dopo moltissimi anni passati unicamente ad ascoltarti. Sono un sorcino o meglio un tuo sorcino "acquisito" come sono stato definito tanto tempo fa da una vera sorcina. Non sono stato ai tuoi concerti e non ho mai esternato la mia condizione di tuo fan, non sono mai stato a Zerolandia e non ho mai avuto il motorino. Semplicemente perchè ero troppo piccolo per farlo, a 12 anni acquistai con le paghette "Artide Antartide" e lo ascoltai per moltissimo tempo rapito da temi adulti e dal tuo modo di raccontare e di comporre. Ma ti amavo già prima ovviamente dai tempi di "triangolo" (avevo 7 anni) o di "amico", di "più su". Fino al tuo capolavoro "Artide Antartide", l'unica occasione che avevo per ascoltarti era la radio quindi quotidianamente chiamavo gli speaker per ascoltare "il carrozzone" "il cielo" e i brani che conoscevo. Mi hai tenuto compagnia e mi hai fatto crescere un po' diverso. Sono cresciuto e son diventato "zero" pure io.

Colgo l'occasione per ringraziarti in modo molto semplice, e cosa potrei fare? Il tuo bel regalo è essere uno Zero ancora oggi, continui a comporre e cantare nonostante l'assenza di perle all'altezza del passato. Ma è logico, e questi tre album in uscita nei prossimi mesi testimoniano quanto la musica sia importante e costante nella nostra vita. Non ti sei mai ritirato e facendo musica ti sei sempre messo in discussione. Son pronto ad ascoltare e a pagellarti. Ma non ti deve distrarre la mia critica: siamo uno zero e la cosa più importante è restarlo fino alla fine. Tre due uno.

Carissimo Renato, grazie.


Zerosettanta volume 3 - Renato Zero. Primo di tre album che usciranno con cadenza mensile festeggiando i suoi 70 anni. Cosa c'è di più bello, Renato festeggia un traguardo importante in piena vena compositiva con una voce ancora bella presente trovando ancora parole per dare voce ai suoi temi preferiti. Ero rimasto un po' deluso da "Zero il folle" in cui mancavano tutte le caratteritiche che invece ritroviamo in questa prima uscita: il graffio nei testi, musiche più fresche e più colore in generale uniti alla presenza di alcune belle ed emozionanti canzoni. Non possiamo chiedere di più ad uno dei più grandi cantautori della musica italiana che tanto ha da insegnare su come si può vivere a lungo facendo musica sana restando fedele a se' stesso. Non troviamo capolavori e probabilmente torneremo ad ascoltare i vecchi cavalli di battaglia ma la speranza - mia - è che da qualche parte questa uscita servirà ad avvicinare Renato ad un nuovo pubblico. E non finisce di certo qui...
Voto 8: canzoni senza particolari difetti se non di essere sostanzialmente inferiori alla produzione d'oro che arriva dal passato. Un balzo verso il cielo rispetto all'album precedente anche se dopo il secondo ascolto tornerà la voglia di riascoltare "pionieri" o "e io ti seguirò".